Black – Scusate l’assenza!



Ascolto Black correndo in bici sul lungomare e i pensieri vanno più veloci di questi pedali. Mi chiedo perché non ho più voglia di leggere e di scrivere, come mai questa pausa da WP sta durando più di quanto mi aspettassi. Alcune risposte ce l’ho già , ma stanno bene lì nella scatola dei “pensieri che non voglio fare”, altre forse le sto trovando in questi giorni che sono allo stesso tempo indaffarati, ma anche rilassanti, lontani dal cahos della mia amata-odiata città. 

E poi tra i “pensieri che non voglio fare” ecco spuntare lui, il solito, quello che ha dato inizio a questo blog, quello che ancora non riesco a lasciare andare del tutto, il solito asfissiante pensiero su Mr. Vain. 

E appena si ripresenta non lo so se é un caso, ma Eddie Wedder sta cantando queste parole: “So che un giorno avrai una vita meravigliosa, so che sarai una stella. Nel cielo di qualcun altro, ma perché? Perché, perché non può essere, perché non può essere il mio?”. 

E così tra le domande che non mi vorrei più fare, puntuale, arriva anche questa e insieme ad Eddie mi domando: Perché? Perché dannazione non può essere il mio? 

E mentre il sole sta tramontando penso che di tempo, dolori, persone, risate, vita ne sono passati eppure c’è quel pensiero che non tramonta. 

E WP mi informa che proprio oggi sono ben 2 anni di blog e per me é stato un battito d’ali e allora, abbiate pazienza, forse non passerò più tanto spesso di qua, ma non sono ancora pronta a cambiare nome a questo virtuale e sgangherato posto!

QUOTE CHALLENGE: GIORNO 2 (SE FA PÈ DÃŒ…)

 

423940311_18519_17763266432166529790

Ok sono passati 22 gg dal Quote Challenge One…mi rendo conto che è tantino, ma non vi avevo già avvisato dei miei pessimi rapporti con Miss Continuità? Ecco, invece, forse non vi ho detto che il mio compagno di una vita, Mister Impulso, è il classico stronzo che mi prende e mi lascia quando vuole e i tira e molla con Lui, sono una costante nella mia vita e per farvela breve, quello schizzato un pò di giorni fa ha deciso, senza alcun preavviso, come è nel suo stile, di portarmi qualche giorno al mare nella mia “Piccola Città Eterna”, ma se avesse controllato il meteo forse, ma dico forse, perchè anche con il meteo non si può mai sapere, mi avrebbe risparmiato 5 giorni alternati di pioggia e nuvole e un solo giorno intero di mare. Ma vabbè…anche la mia relazione con Mister Tempismo è finita male, moooolto male da anni e anni orsono.

E vabbè tutta questa lunghissima, insensata e, soprattutto, inutile, premessa per dirvi che solo oggi, dopo giorni ho aperto WP e prima di perdermi nei vostri Post (che mi sono persa), mi sono ricordata di questo Tag in sospeso e ho deciso di provare a dargli un seguito.

Le citazioni di oggi son tutte “musicali” e siccome Martedì son stata per la prima volta al concerto di un gruppo che mi piace parecchio, ma non avevo mai visto live, sono tutte tratte da loro canzoni.

1.

L’amore passa, l’herpes è per sempre.

(da Non si esce vivi dagli anni ’80)

2.

Non c’è niente che sia per sempre, perciò se è da un po’ che stai così male, il tuo diploma in fallimento è una laurea per reagire.

(da Non è per sempre)

 

3.

Nel tuo piccolo mondo fra piccole iene anche il sole sorge solo se conviene… tra piccole iene solo se conviene.

(da Ballata per la mia piccola iena)

Ed ora passiamo al momento che più temete…le nomination!

Ecco i tre designati di oggi (tranquilli che come sempre nessuno è obbligato, ognuno è esonerato…con la mia totale e completa approvazione e comprensione, anzi, non mi va nemmeno di rompervi le balls perciò non vi avviso così se anche per malcapitate ragioni doveste leggermi, potete tranquillamente far finta di non aver letto :P!)

1.  il sommo poeta: Poesie Stralciate

2. il sommo (o forse sarebbe più appropriatolo dire il Massimo?) papàvvocatoscrittoremeraviglioso:  Avvocatolo

3. il sommo e basta (ovviamente!):  Ysingrinus

Ps. Sulle sorti di questo blog (eh sì perchè dalle perplessità sul titolo il discorso si è un pò allargato…) sto ancora riflettendo…però, tranquilli, nel frattempo sono uscita dal bagno!!! 😛 😛 😛

Reblog: “La cosa più ovvia del mondo” by Pinocchiononcepiu

Lui rispondeva con la musica, che le parole non sono mai così precise. Le parole sono solo specchi che rimandano la tua immagine. La musica ti fa vedere chi sei.

Ma come Presa, direte voi, non scrivi da una vita sul Blog e ora te la vorresti cavare con un Reblog? 

Non é un reblog qualsiasi, amici miei, questo é un biglietto da visita. 

É la migliore presentazione che io possa farvi di Pinocchiononcepiu, di un blog che davvero ne vale la pena. 

In questo post ho trovato le parole che forse cercavo da una vita per spiegare cos’è per me la musica e che di certo non avrei mai trovato perché le “parole non sono mai così precise”, ma se c’è uno che sa trovarle quello é Pinocchiononcepiu.

Vabbé non mi dilungo oltre. Leggetelo e capirete da soli perché non potevo non condividerlo. Piuttosto che piantarvela lì con un mio post malinconico (che é la parola più ricorrente nei commenti sotto i miei post quindi me ne sono fatta una ragione!) ho preferito presentare a chi ancora non lo conoscesse uno dei miei blogger preferiti. Ci sono una decina di Tag e Awards a cui non ho risposto e spero tanto che mi perdonerete, ma se lo spirito di questi Wordpremi é davvero quello di diffondere e condividere ciò che più ci piace di WordPress, ecco, a mio modo l’ho fatto. 

Buona lettura! 😘

Rimasero in silenzio, Caterina e il maestro Giuliani, senza dire una parola, per un tempo difficile da quantificare, incuranti della gente che li sfiorava, quasi oltrepassandoli, come se fossero due entità rarefatte, come certi sogni di cui puoi fare a meno. Piero Giuliani fissava un punto oltre i vetri della porta d’ingresso, oltre la strada, […]

http://pinocchiononcepiu.com/2016/05/29/la-cosa-piu-ovvia-del-mondo/

Presadixit 💙 – n. 4

Anche questo l’avevo già pubblicato all’interno di un altro post, ma ve lo ripropongo sotto forma di presadixit. Causa influenza maledetta e pile scariche del telecomando della mia colonnina musicale, la radio oggi mi ha colpita già un paio di volte senza che io potessi in alcun modo difendermi e allora mi é tornato in mente questo pensiero. 

#4 INFALLIBILI CECCHINI

Alcune canzoni come i ricordi, sono infallibili cecchini.

Oggi sono stata uccisa da Sweet Child O’ Mine dei Gun’s e dopo poco da Bellamore di Sinigallia. E voi? Quali sono le vostre canzoni-killer? 

Baci febbricitanti😘

11.01.16 – Can you hear me? You’re now far above the moon, Planet Earth is blue and it’s only because of You

La fine del 2015 ci ha portato via Lemmy dei Motorhead e Natalie Cole.

Il 2016 ha voluto strafare.

Non ci sono parole per descrivervi la tristezza che provo in questo momento. Solo concedermi un’intera giornata di Space Oddity in loop potrebbe salvarmi o una giornata commemorativa insieme alla mia folle insegnante di Pilates – che non faceva lezione senza Life on Mars.

Forse solo le black stars, spente a lutto, possono capire.

Non ci credo. Hai detto che non sapevi dove saresti andato, via di qui, ma che di sicuro non sarebbe stato un posto noioso.

Pazzo, genio, ribelle, quanta bellezza ci hai regalato. Non eri umano, eri un extraterrestre. Non ci credo che sei morto, ti sono solo venuti a riprendere.

There’s a starman waiting in the Sky…he’d like to come and meet us…but he thinks he’d blow our minds

 

And the stars look very different today

 

You’re now far above the moon, Planet Earth is blue, And there’s nothing I can do.

*****

E’ arrivata la sera, lo shock inziale sta svanendo, la tristezza si sta acutizzando, davvero ti sei portato via un bel pezzetto di vita, di anima, di me…eppure il tuo lascito è immenso …Da parte mia un GRAZIE gigante per la canzone che ha accompagnato i miei anni più belli e spensierati, stampati a caratteri cubitali sulla mia maglietta preferita…YOU CAN BE A REBEL…

Malinconia

Il colore del vetro – Il disordine delle cose


Ti osserverò per ore e ti resterò a guardare 

Ti osserverò per ore così come si osserva il mare 

É come un’onda la malinconia,
se ti lasci attraversare lei va via, tornandosene da dove era venuta, ma se ti opponi, credimi,
se tu le resisti, é in grado di sommergerti.

Strade di Francia

E se Parigi é così immensa e tu non hai paura come me 

Per queste strade di Francia io vengo con te

   
Una delle canzoni di Daniele che amo di più…Da qualche giorno in loop…

http://youtu.be/HT9OO1-mkq4

Parigi, Parigi a me va bene per non tornare più

Così dicevi perché i miei occhi pieni di stazioni e chiese

Ritornassero blu

Le mani, le mani già lo sanno che non vivranno qui

E, mi spiegavi, per questo vedi amore non si fermano un momento

E tremano così.

Perché le cose non vanno mai come vuoi tu

Anzi è più facile cambino ancora di più

Così io ti prendo per mano e ti porto con me

Perché a darsi un appuntamento che speranza c’è 

Le strade, le strade dei francesi che non ho visto mai

Eh, ma se i sogni non li avessi già completamente spesi

In quello che sai

Perché le cose non vanno mai come vuoi tu Anzi è più facile cambino ancora di più

Così io ti prendo per mano e ti porto con me

Perché a darsi un appuntamento che speranza c’è

E se Parigi è così immensa e tu non hai paura come me 

Per queste strade di Francia io vengo con te

E allora adesso che ogni cosa ha un nuovo nome

E questo nome me lo insegni tu

Com’è che vivo ancora tra una chiesa e una stazione

E i miei occhi, i miei occhi non ritornano blu…

Viaggio alle 4 Regioni

Sono viva, eh! Ho solo girato mezza Italia in poco più  di una settimana.  Ma sono viva. Dal mare in Calabria un breve saluto alla mia città eterna, prima di ripartire per il megaconcertone a Reggio Emilia (lacrime e brividi, … Continua a leggere

All of me

E in un’altra vita sarò la ragazza dai capelli rossi e la pelle diafana che suona il violino sul tetto del mondo…

E tu il pianista nero che compone il canto d’amore più dolce…

E petali di rosa rossa sulla coda del pianoforte e un cielo viola a colorare la nostra favola…

E ti dirò “Dammi tutto di te e ti darò tutto di me, sei la mia fine e il mio inizio, anche quando perdo vinco, perchè ti dò tutto di me..e tu…tutto di te”.